Le Ali Morali | Steve Jobs // Discorso a Stanford
16033
post-template-default,single,single-post,postid-16033,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-5.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive

14 Oct Steve Jobs // Discorso a Stanford

Da tempo avevamo nel cassetto questo nostro commento a una della più significative apparizioni pubbliche di Steve Jobs.
Oggi non è più con noi, ma le sue parole resteranno con noi e continueranno a ispirare riflessione e azione.
Con grande rispetto ne condividiamo il video (con sottotitoli in Italiano) e un estratto.

E’ il 12 giugno 2005 quando Steve Jobs, il padre della Apple e della Pixar, tiene la sua Lectio Magistralis a una folta platea di laureandi della Stanford University.

UNIRE I PUNTINI

Segui solo la tua curiosità e il tuo intuito; devi sempre credere fermamente in qualcosa: unisci i puntini e solo alla fine vedrai il disegno che il destino preparava per te. Segui i tuoi sogni e applicati alle cose che veramente t’interessano, e non lasciarti fuorviare anche se parti apparentemente svantaggiato. Tieni la barra dritta, anche se avrai poco da mangiare e dovrai dormire per terra, ospite in camere non tue. Se ancora non hai trovato quello che ritieni un buon lavoro per te, continua a cercarlo, e quando l’avrai trovato capirai da solo che era proprio quello.

AMORE E PERDITA

A volte la vita ti colpisce in testa come un mattone. Non perdete la fede.
Sono convinto del fatto che l’unica cosa che mi ha consentito di proseguire sia stato l’amore che provavo per quello che facevo.
Dovete trovare ciò che amate.
E questo è tanto vero per il vostro lavoro quanto per chi vi ama. Il lavoro riempirà gran parte della vostra vita e l’unico modo per essere veramente soddisfatti è quello di fare quello che pensate sia il lavoro migliore. E l’unico modo per fare il lavoro migliore è quello di amare quello che fate. Se non lo avete ancora trovato, continuate a cercare. Non vi fermate. Come tutti gli affari di cuore, lo saprete quando lo troverete. Quindi, continuate a cercarlo fino a quando non l’avrete trovato. Non fermatevi.

LA MORTE

Ogni giorno guardati allo specchio e chiediti:
“Se oggi fosse l’ultimo giorno della mia vita, vorrei veramente fare quello che sto per fare oggi? Se la risposta è “No” per troppi giorni di seguito hai bisogno di cambiare qualcosa”.
“Ricordare che morirò presto è stato lo strumento più importante che mi ha consentito di fare le scelte più grandi della mia vita. Perché praticamente tutto – tutte le aspettative, l’orgoglio, le paure di fallire – tutte queste cose semplicemente svaniscono di fronte alla morte, lasciandoci con quello che è veramente importante. Ricordarsi che moriremo è il modo migliore che conosco per evitare le trappola di pensare di avere qualcosa da perdere. Siete già nudi. Non c’è nessun motivo per non seguire il vostro cuore”.
“Il vostro tempo è limitato, quindi non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro.
Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui lasci affogare la vostra voce interiore.
E, cosa più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore ed il vostro intuito. Loro sanno già quello che voi volete veramente diventare. Tutto il resto è secondario”.

E infine un grido d’esortazione che riassume l’intera filosofia della sua vita:

SIATE AFFAMATI ! SIATE FOLLI !
STAY HUNGRY! STAY FOOLISH!